Tremate, tremate… Le streghe son tornate
In concomitanza con l’uscita americana di Blair Witch, il sequel del famoso Blair Witch Project, vorrei spendere due parole sul cinema inerente le sacerdotesse dell’occulto.
In realtà di pellicole su maghi, streghe e stregoni ne ho viste a migliaia: non solo i poveri studenti con videocamera che si perdono nel bosco maledetto del film sopra citato ma, anche, la commedia magica con le fattucchiere sexy de Le streghe di Eastwick, contrastate dal solito… Ma guarda un po’… Diabolico, jack Nicholson sin alla rivisitazione, un po’ noiosetta, delle leggende di Salem, portata sullo schermo recentemente da Rob Zombie.
Tuttavia tutti noi sappiamo che l’unico, solo, meraviglioso capolavoro del cinema stregonesco e’ Suspiria di Dario Argento.
Per i pochi, tristi, sacrilegi che non l’hanno ancora visto … mille strali e maledizioni… perché la storia della scuola di danza, infestata da streghe, accanto alla foresta nera e’quanto di più visivamente ricco, meraviglioso, incomparabile nell’inventiva che il cinema possa offrire… e non parliamo di genere horror ma di CINEMA maiuscolo.
I colori technicolor, densi, ricchi, quasi tridimensionali, le invenzioni di ripresa… La macchina da presa legata ad un cavo a trenta metri e lanciata all’impazzata sull’attore ne e’ un esempio, la musica dei Goblin che ha fatto storia, un cast d’attori azzeccatissimo ne fanno la favola più paurosa dei tempi moderni…
Consiglio della sera, c’e’ una piccola scuola di ballo, a Friburgo… Dove non so se avrete coraggio d’iscrivervi…

“Ho paura di molte cose, come tutti. Vivo anche paure immotivate. Quando scrivevo uno dei primi film, fui preso da un’ansia enorme che decisi di uscire di casa in pigiama e pantofole, scappando non so davvero da che cosa. Ho paura anche delle mie fantasie che spesso scambio con delle profezie.”

“I miei film non sono solo horror, ma sono anche pieni d’amore, di passioni e di ironia, elementi molto rari nel cinema dell’orrore in senso classico.”

Dario Argento

Questo articolo è disponibile anche in: Portoghese, Brasile

Inoltre vi consiglio di leggere...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. Required fields are marked *