Primo giorno di scuola

Mi ricordo benissimo il mio primo giorno di scuola elementare, anche se sono passati tantissimi anni, mi è rimasto il ricordo dell’eccitazione mischiata alla curiosità, avevo farfalle nello stomaco e appena passato il portone della scuola, guardando la fila delle maestre che ci attendevano con un sorriso m’ero già appassionata a quel nuovo ciclo, sapevo che quel momento era il mio primo gradino verso un mondo nuovo tutto da scoprire, dove avrei potuto iniziare esplorare il mondo con più autonomia.

Nel mio primo giorno di scuola ero entusiasta e fiera di quell’opportunità, vivevo in un Brasile ancora sotto la dittatura militare, pieno di ingiustizie e sapevo molto bene che non tutti i bambini avevano la mia stessa fortuna, mia mamma ci teneva a ricordarmelo spesso e sono cresciuta sapendo che quando puoi fare qualcosa che dovrebbe essere il diritto di tutti, ma purtroppo non lo è, porti un dovere in più, non puoi non valorizzare o sprecare  questa opportunità.

Credo che la prima cosa da trasmettere ai nostri piccoli sia questo, il grande valore e la grande opportunità che hanno, non diamo per scontato e non facciamo credere loro. Non si è mai troppo piccoli per capire.

Adesso tutte queste emozioni tornano a galla, questo 15 settembre anche il mio bimbo inizia il suo percorso e con lui anche noi, imparando a sostenerlo nella vesti di genitori e l’emozione è immensa.

Io sono stata preparata molto bene per partire nel modo giusto e spero di riuscire a fare lo stesso. Ho chiamato la mia mamma e dalla nostra chiacchierata ho preso alcuni esempi che secondo lei han funzionato con me e mio fratello.

 Primo giorno di scuola elementare come partire nel modo giusto e vincere l’ansia: per genitore e bambini

Avere ansia per il primo giorno di scuola elementare è normale,  tante cose cambieranno, nuove responsabilità per i genitori e per i bambini.

Per questo i bambini vanno preparati e alcuni accorgimenti possono facilitare, permettendogli di essere più a loro agio. Vi elenco alcuni piccoli suggerimenti che ho ricevuto e credo che possono aiutare a far la differenza:

  • Per prima cosa, questo momento va celebrato, merita una cena commemorativa, il bimbo deve capire che questo è un momento felice della sua vita
  •  è meglio iniziare alcune settimane prima il cambiamento di routine, come  svegliarsi nell’orario scolastico, andare a dormire ad orario giusto. Se il tuo bambino ha difficoltà per svegliarsi, regalargli una sveglia per bambini potrebbe essere un’ idea, in modo che lui, piano piano, inizi a imparare a gestirla da solo, prendendo la responsabilità di svegliarsi da solo.
  • Comprare il materiali scolare è un momento di festa, coinvolgilo, fagli scegliere il suo zaino(abbiamo comprato questo), astuccioabbiamo comprato questo), il grembiule… Rendilo partecipi di ogni momento come per esempio preparare insieme il suo zaino
  • Fai con il bambino il tragitto fino alla scuola alcuni giorni prima, facendolo notare dettagli, locali, diventando un momento piacevole di scoperte e chiacchera.
  • Se possibile, visita la scuola insieme al bambino
  • parla con il bambino in modo positivo sui suoi dubbi e paure, immagina con lui alcune situazioni e fagli capire come può essere il suo atteggiamento in quei casi.
  • se il bambino ha già un amichetto che inizierà anche lui la scuola organizza di andare insieme il primo giorno
  • Dopo il primo giorno di scuola regala un piccolo premio, fagli capire che è un bambino coraggioso

 

Materiale scolastico prima elementare 2017/2018

Chiaramente ogni scuola avrà la sua lista, io comunque vi elenco quello che hanno chiesto a noi per l’anno scolastico della prima elementare 2017/2018, magari vi può essere d’aiuto:

Anche il tuo bambino/a sta per iniziare questa avventura? Raccontami come vi state preparando! Scambiare opinione è sempre molto utile.

Vi auguro un felice inizio di anno scolastico.

Vuoi mantenerti sempre informato sulle novità del blog? Iscriviti alla mia Newsletter e partecipa ai miei concorsi per vincere bellissimi premi 😉

 

 

Inoltre vi consiglio di leggere...

Rispondi