Oggi vi parlerò di praticità, salute e educazione alimentare e di come possiamo abbandonare  snack calorici per uno più salutare, come quelli proposti da Parmareggio.

Noi mamme sappiamo benissimo che moltissime volte le nostre merende  finiscono per essere quello che non viene mangiato dai nostri bambini, e non lo so voi, ma io, con questa storia ho preso parecchi chili.

Noi mamme stra-occupate prese da mille impegni quotidiani, molte volte facciamo scelte non tanto salutari, ci troviamo spesso in situazioni in cui sembra più semplice proporre come spuntino, uno snack confezionato magari comprato al bar all’ ultimo momento. Per me che viaggio spesso con il mio bambino, trovare la merenda ideale da portare non è sempre facile, perché oltre i valori nutrizionali e la qualità, devo convincere il mio bimbo che quello proposto da me è tanto gustoso quanto quel gelato coloratissimo e invitante del cartellone pubblicitario.

Convincere un bambino, questa è la prova più ardua, è qui che la giusta comunicazione di un prodotto fa davvero la differenza, per loro associare il cibo ad un personaggio simpatico dona quello stimolo in più rassicurandoli.

E così che, come la chiamiamo noi, la “merenda del topino” della Parmareggio è entrata a far parte delle nostre merende mattutine o po-meridiane e anche dei nostri viaggi.

Parmareggio e l’ABC della merenda

Qual’è la merenda perfetta? Quella che conquista mamme e piccini.

Parmareggio con la sua proposta l’ABC della merenda ha creato  4 pratici Kit in cui si trovano riunite 3 componenti essenziali per un fuoripasto completo e nutriente.

  •  Parmareggio snack ,grissini e frullato 100% frutta
    gusto pesca.

  • Formaggini Parmareggio, grissini e frullato 100% frutta
    gusto pera.

  • Parmareggio snack  e frutta secca, accompagnato da frullato 100% fruttagusto pera.
  • Parmareggio Snack Bio, grissini e succo alla pera,
    da Agricoltura Biologica.

 

L’ABC della merenda è stato creato in collaborazione con il nutrizionista Dott. Giorgio Donegani, e la principale preoccupazione oltre rispettare il corretto profilo nutrizionale del fuoripasto ideale, un bilanciamento tra carboidrati (50%), proteine (15%) e grassi (35%), era anche creare un spuntino perfetto per mamme e bambini, tale da garantire una giusta quantità di energia e nutrienti necessaria per sostenere le attività di studio, gioco e sport in modo naturale e senza appesantire.

 

Un’altro fattore importante è la durata di 4 ore fuori dal frigorifero, ideale da portare in borsa o nello zaino, avendo così a portata di mano un fuori pasto salutare quando siamo fuori con i bambini.

Non è da meno la simpatia dei topini Enzino, Emiliano e Ersilia, che hanno conquistato il mio piccolo. Nel sito di Parmareggio trovate una pagina tutta dedicata ai più piccoli, con concorsi, giochi e attività.

La merenda perfetta per far crescere bene i bambini

Ma cosa deve contenere un fuori pasto ideale? L’ABC della merenda è stata creta apposta, ecco cosa contiene e a cosa serve nel sviluppo:

  • carboidrati (50%):  la giusta dose di energia per affrontare con la giusta carica lo studio o le attività sportive
  • proteine (15%): essenziali per la formazione dei tessuti dell’organismo e per lo sviluppo osseo
  • grassi (35%): nella giusta quantità, oltre a dare energia, funzionano da trasportatori di vitamine
  • L’ABC della merenda è  ricco di vitamine A e C e di sali minerali, tra i quali spicca il calcio, essenziale per la crescita delle ossa.

Buzzoole

 

 

 

#parmareggio

Inoltre vi consiglio di leggere...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. Required fields are marked *