Il giardino delle vergini suicide

Il bello del cinema come la lettura, è tornare a rivedere una storia tante volte, nel corso della nostra vita. Capiterà, anche, a voi di vedere un film, farsene un’idea, trarne conclusioni e…poi rivederlo e arricchire il vostro giudizio di nuove sfaccettature o cambiare completamente opinione.
La prima volta che ho visto Il “Il giardino delle vergini suicide“di S.Coppola, ho notato tutte le sfumature della mia adolescenza, le fragilità e voglia di scoprirsi. La delicatezza di essere donna. Oggi rivedendo questo film, mi si riconferma la sua bellezza e la certezza che lo farò un giorno vedere a mio figlio: trovo che sia un modo dolce di presentare il mondo femminile. A proposito di questa pellicola, quando fantasticavo come creare l’atmosfera giusta per fotografare un abito da cerimonia, mi’è venuto proprio in mente il ballo delle sorelle Lisbon… e anche se l’abito delle sorelle non ha nulla che vedere con il mio sfarzoso abito in tulle, mi piaceva fantasticare d’una sesta sorella, bionda e bellissima, esattamente come loro. Nel film la quattordicenne  Lux, dopo essere incoronata reginetta del ballo insieme al più bello della scuola Trip, perde la verginità sul campo da football e dopo essersi addormentata, viene abbandonata lì. Chi di noi non ha provato la stessa delusione: essersi concessa alla persona sbagliata. Lei, di mattina, torna a casa in taxi e da lì in avanti verrà punita fin alla morte, insieme alle sorelle. Chi di noi non è stata messa in croce per il solo fatto di amare troppo. Non si dovrebbe mai insegnare ai figli che amare, con tutto le sue conseguenze, sia una cosa sbagliata.
La mia sesta sorella Lisbon torna a casa in autobus, lo stesso che mi portava a scuola durante l’ adolescenza. Anche se vestita come una principessa, d’ una bellezza sconvolgente che viene incoronata di pura innocenza: anche lei ha scoperto quanto può essere crudele crescere. Ma, la mia sorella Lisbon, nel suo rientro a casa in autobus, sa che troverà un abbraccio e non sarà mai sola nel suo crescere.

Consiglio: guardati il bellissimo video Freak di Lana del Rey: atmosfera ispirata proprio dal film Il giardino delle vergini suicide

Abito: Villa Park

abito da cerimonia e da ballo abito da cerimonia e da ballo abito da cerimonia e da ballo abito da cerimonia e da ballo

Questo articolo è disponibile anche in: Portoghese, Brasile Inglese

Inoltre vi consiglio di leggere...

11 comments

Rispondi

Maura è spettacolare il nuovo sito! Bravaaaaaaaaaaaa!
Shooting da favola e da sogno, magari poter vivere un primo ballo con un abito del genere! *_*
E la domanda del “ma come mi vesto” ci perseguiterà a vita, siamo donne! 😉
Bacione e buona giornata! :*
Ps. Su Snapchat mi fai morire!

Luna
http://www.fashionsnobber.com

Rispondi

Grazie mille Luna, sono felicissima che il mio primo commento sia il tuo )))))) Anche te mi fai morire, ahahhaha…. troppo divertente snapchat vero?

Rispondi

Sei una grande artista… gli scatti sono spettacolari… 🙂
Devo vedermi il film, purtroppo mi è sfuggito a suo tempo…
Bentornata!

xoxo
http://www.bellezzefelici.blogspot.com

Rispondi

Grazie mille Elena, sei molto gentile;))
Si il film è veramente molto bello,merita!
Un abbraccio grande

Rispondi

Complimenti, quanto mi piace il nuovo blog, proprio bello!,Interessante, questo film me lo sono perso, lo andrò a cercare per vedermelo! Complimenti anche per le foto come sempre favolose e …mamma mia questo abito è favoloso, poi in giallo!!! Baci Elisabetta

Rispondi

Grazie Elisabetta, sei sempre un tesoro!

Rispondi

Vestito pazzesco ❤️❤️❤️

fefaliciousss.altervista.org

Rispondi

Grazie! Anch’io sono innamorata e poi il colore?

Rispondi

Ciao Maura!
Queste foto sono stupende e il testo che segue è molto interessante 😀 Non ho mai visto quel film però mi hai incuriosita e quando tornerò a casa mi sa che lo vedrò.
Un abbraccio!
N
http://www.naylac.com

Rispondi

Grazie Nayla! é un film bellissimo!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. Required fields are marked *