Son stati giorni di cinema per me questi e era ora! Vi parlerò di due films visti in questi giorni: Manchester by the sea di Kenneth Lonergan e Logan di James Mangold.

Due pellicole diversissime tra loro da cui mi attendevo moltissimo.

Manchester by the sea

Manchester by the sea vede protagonista un idraulico tuttofare, Lee Chandler che, in quel di Boston, conduce un’ esistenza grigia, fredda, senza nessun tipo di slancio o affettività.

Costretto a ritornare al paese natale, Manchester appunto… ma non quello britannico, luogo dove l’attività fondamentale è la pesca, causa la morte improvvisa del fratello, si troverà a doversi confrontare con la gestione del l’adolescente nipote, Patrick.

Inizia così un rapporto difficilissimo tra i due, una ricerca di collegamento, la costruzione d’un ponte tra il ragazzo pieno d’interessi, gioia di fare, desiderio di scoprire e vivere ed il cuore di ghiaccio dello zio, le cui uniche pulsioni e slanci sono le scazzottate da bar.

Scopriremo piano piano, attraverso l’uso di sapienti flashback, cos’ha inaridito completamente il povero Lee, costretto a pagare un errore con il dolore per tutta la vita che gli resta.

Entreremo poco alla volta in empatia con lui sperando fin alla fine di veder rinascere in lui un barlume di vita ed emotività.

Un piccolo film, gelido e perfetto, senza nessuna scena madre, di cui peraltro non necessita ma con un cast eccellente  su cui svetta l’interpretazione di Casey Affleck, magistrale nel rendere la disperazione d’un uomo che ha perso tutto, massimamente le emozioni.

Visitate il sito ufficiale della pellicola.

 

Logan

Logan, invece, ci narra le ultime avventure d’un Wolverine, il mutante Marvel dallo scheletro d’adamantino e dal potere rigenerante, stanco di vivere e combattere in un futuro sporco, cattivo e senza speranza per nessuno.

Si tratta come già detto da molti d’un western moderno, spietato e crepuscolare, fatto apposta per chiudere il ciclo di determinati personaggi.

Anche qui assistiamo alla nascita d’un rapporto, inizialmente improbabile e difficoltoso, tra un adolescente ed un uomo indebolito e senza prospettive, cosa che accomuna le due pellicole.

Il film è coraggioso nel suo tentativo d’uscire dai classici schemi delle ultime pellicole supereroistiche, Hellboy e Deadpool esclusi, con dosi massicce di violenza, la visione d’un mondo cinico che schiaccia tutti senza pietà.

Forse l’eccessiva durata ed il finale un po troppo prevedibile non m’hanno del tutto convinta, forse mi aspettavo qualcosa di più, tuttavia lo consiglio per uscire dai soliti cliché che tutti noi ormai stra conosciamo.

Visita la pagina ufficiale del film

Vuoi mantenerti sempre informato sulle novità del blog? Iscriviti alla mia Newsletter e partecipa ai miei concorsi gratuiti per vincere bellissimi premi 😉

 

 

 

Inoltre vi consiglio di leggere...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. Required fields are marked *